Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Cliccando sul tasto "Accetto" acconsenti all’uso dei cookie. Accetto
10/12/2020

NUOVO SISTEMA DI HANDICAP MONDIALE

Dal 15 dicembre 2020 entrerà in vigore anche in Italia il World Handicap System, il nuovo sistema per il calcolo dell’Handicap che sarà uguale in tutto il mondo.

Dopo tanto lavoro, il coinvolgimento di tutte le più grandi associazioni (USGA, R&A, Golf Australia, CONGU, EGA, SAGA, AAG, Golf Canada e GJA), e più di 50.000 interviste in 15 paesi, ecco che dal 2020 il nuovo handicap di golf mondiale – il World Handicap System – sarà effettivo.


Perché cambiare il sistema di calcolo a cui eravamo ormai abituati?

-          Per creare un sistema univoco, con un handicap valevole in tutto il mondo, così da poterlo utilizzare anche fuori dai confini nazionali;
-          Per cercare di rendere l’handicap del giocatore ancor più realistico, tanto da rispecchiare le reali abilità di questo;
-          Per dar modo alla maggior parte dei giocatori di prendere un handicap, numero che rimane essenziale per molti motivi e capace, per la sua natura “democratica”, di far giocare insieme golfisti di tutti i livelli in condizioni di parità di gioco.

 


Cosa cambia col nuovo handicap?

La novità più grossa è senza dubbio l’eliminazione della virgola. 
Dal 15 dicembre 2020 l’handicap di un giocatore sarà infatti calcolato in base alla media degli 8 migliori score SGD (Differenziale Lordo Standard)* dei 20 più recenti (andando indietro anche negli anni precedenti) e il numero risultante arrotondato alla prima cifra decimale.
Ogni punteggio Stableford ottenuto avrà infatti un differenziale lordo standard (SGD) che indicherà l’handicap giocato quel giorno, e che concorrerà a stabilire la media citata sopra.
L’aggiornamento dell’handicap sarà continuo, al termine di ogni gara ma – essendo il frutto di una media – non è detto che un risultato positivo o negativo porterà necessariamente ad una variazione.
Il punteggio massimo sullo score per ogni buca sarà il doppio bogey netto, ovvero zero punti Stableford. Non ci sarà più il CBA, o meglio non si chiamerà così, rimanendo comunque un calcolo dei risultati in base alle condizioni atmosferiche o di percorso particolarmente difficili.
Una specifica importante: nel caso di mancanza di 20 score, il calcolo avverrà su quelli presenti, considerando circa il 40% dei risultati migliori.

 

Cosa non cambia?

-          Le gare su 18 e anche da 9 buche saranno valevoli per l’handicap;
-          Rimarrà come handicap massimo il 54 stabilito nel 2016;
-          Si continuerà ad utilizzare l’USGA Course Rating System, con handicap variabili a seconda del percorso di gioco;
-          L’EGA rimarrà l’organismo atto a controllare l’applicazione del nuovo handicap di golf nell’Europa continentale, per tutte le federazioni per le quali detiene l’amministrazione;
-          Gare 4plm saranno ancora valevoli per l’handicap;

Ci sarà una limitazione per chi subisce un veloce innalzamento di handicap.

 

A questo link la news di Federgolf: https://www.federgolf.it/news/world-handicap-system-attivo-in-italia/

Di seguito potete scaricare le FAQ sul nuovo Handicap mondiale.

In evidenza

© Project by Web Industry